Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

scritta solo lunga
facebook twitter youtube google plus

scritta solo

facebook twitter youtube google plus

Capone-Mariano (pd) Rischio soppressione Corte d'appello Lecce

lecce"E' vero che i criteri adottati dalla commissione Vietti sembrano non intaccare Lecce. Però non possiamo permetterci il lusso neppure di immaginare una Giustizia non uguale per tutti". L'on. Salvatore Capone ha già posto al Governo, insieme alla collega on. Mariano, la questione del riordino della geografia giudiziaria e del rischio chiusura Corte d'Appello di Lecce con una interrogazione rivolta al Ministro Orlando.

L'obiettivo è evidente: scongiurare il rischio che un accorpamento e una centralizzazione del servizio giustizia in una regione come la Puglia e in un territorio come il Salento possano ingenerare, causa l'assenza di adeguati presidi di legalità, una situazione di allarme sociale e di denegata giustizia tale da rendere del tutto ininfluente e ingiustificato il rapporto costi/benefici di una eventuale riorganizzazione della geografia e dell'amministrazione giudiziaria.

Naturalmente comprendo benissimo le esigenze alla base dell'iniziativa Ministeriale e condivido compiutamente quella di razionalizzare ed efficientare la geografia giudiziaria anche alla luce delle opportunità e possibilità che l'ammodernamento telematico dei servizi giudiziari consente.

Resto in ogni caso convinto della necessità, soprattutto per quel che riguarda un territorio come il Salento che, non va dimenticato, significa Lecce Brindisi e Taranto, dell'esigenza di coniugare in modo virtuoso razionalizzazione e qualità nell'erogazione di un servizio essenziale per la tenuta stessa della comunità. Considerato anche il rischio che la scomparsa della Corte d'Appello porti con sé quello della Direzione Distrettuale Antimafia.

In questi anni Magistratura e Forze dell'Ordine hanno svolto un compito arduo, in molti casi immane, pregevolissimo. Dobbiamo a questo enorme lavoro se oggi come comunità territoriale ci sentiamo tutti meno a rischio di infiltrazioni criminali e/o mafiose, non abbassando la guardia ogni qualvolta segnali più o meno forti ci ricordano quanto questo sia un terreno scivoloso e come le zone grigie di collusione o le manovalanze si allarghino notevolmente nei periodi di grave crisi economica come l'attuale. Ecco perché sono convinto che il Ministero saprà contemperare esigenze e concreto stato dell'arte territoriale anche alla luce di recenti riflessioni condotte sia da parte di autorevoli esponenti dell'Avvocatura che della Magistratura, oltre che del carico di lavoro svolto dagli Uffici e della popolazione di riferimento.

Se infatti gli stessi criteri adottati dalla Commissione Vietti sembrerebbero non intaccare la Corte d'Appello di Lecce, pure è necessario continuare a sottolineare come anche solo immaginare lo smantellamento di presidi così importanti sarebbe sicuramente, a maggior ragione sul piano simbolico, un messaggio che non possiamo permetterci il lusso di inviare. Né possiamo immaginare una giustizia che, resa complicata anche da difficoltà di trasporto, possa non essere uguale per tutti.

 

Dichiarazione On. Salvatore Capone, parlamentare pd Puglia

da Gazzetta del Mezzogiorno Lecce Manuela Tommasi

Tags: Pd,, Sinistra è cambiamento,, Italia,, Sud,, Andrea Orlando,, Salvatore Capone,, Elisa Mariano,, Puglia,, Legalità,