Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

scritta solo lunga
facebook twitter youtube google plus

scritta solo

facebook twitter youtube google plus

Rassegna stampa

Lotta al caporalato, Ludovico Vico: “Colpire aziende agricole che violano norme sul lavoro”

 

Cliccando sulla foto potrai vedere il video dell'intervento dell'On. Ludovico Vico alla Camera

 

 

Articolo preso da http://www.immediato.net/

Arrestare e condannare i caporali non basta. Bisogna combattere il fenomeno del caporalato all’origine, colpendo le aziende agricole che violano le norme sul lavoro e li utilizzano per reclutare mano d’opera a buon mercato”. Lo hanno affermato Colomba Mongiello, componente della Commissione Agricoltura della Camera, e Ludovico Vico, componente della Commissione Attività produttive di Montecitorio, intervenendo in Aula sulla proposta di legge contro il caporalato “in cui sono confluiti anche i testi sottoscritti dai parlamentari pugliesi del PD”.

 

“Siamo convinti che la legalità, oltre ad essere un valore, deve essere una scelta conveniente per le imprese e per i lavoratori. Solo così potrà essere sconfitto chi alimenta questo immondo business criminale.

E’ sacrosanto rafforzare il profilo sanzionatorio con la restituzione dei contributi pubblici o la confisca dei beni in danno delle aziende che utilizzino i caporali e sfruttino i lavoratori, come previsto da disegno di legge sostenuto con forza dal Governo.

Ed è doveroso mettere a valore, anche economico, il rispetto delle norme e l’adesione ad una visione etica della produzione agricola.

Per questo chiediamo che le attività di controllo si concentrino sulle aziende che inquinano il mercato del lavoro, non su quelle che hanno aderito alla ‘rete di qualità’ dimostrando di avere tutti i requisiti per farlo.

Alle aziende sane bisogna garantire il supporto previsto dalle norme del ‘collegato agricolo’ in tema di servizi e trasporto e non ancora rese operative dalle Prefetture.

Il made in Italy è sinonimo di qualità perché ci sono filiere produttive capaci di valorizzare tradizioni, competenze e capacità di cui sono portatori anche i lavoratori.

Il disegno di legge riconosce che produrre cibo ha un valore sociale enorme – concludono Mongiello e Vico – E’ sul radicamento di questo concetto nella cultura economica che dobbiamo lavorare, oltre che sulla prevenzione e la repressione, per cancellare la vergogna del caporalato e dei ghetti di braccianti senza diritti”.