Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

scritta solo lunga
facebook twitter youtube google plus

scritta solo

facebook twitter youtube google plus

Paola De Micheli su "Repubblica": "Priorità a lavoro e diritti, sulle nostre spalle il peso del governo"

Dibattito interno al Partito Democratico, su "Repubblica" di oggi, 14 marzo, Paola De Micheli - definita "pontiera" ed ex lettiana - viene intervistata da Tommaso Ciriaco sullo scontro tra maggioranza renziana e minoranza interna.

 

su #Repubblica di oggi c'è una mia intervista sul #Pd e sul dibattito di questi giorni, ecco quello che penso..

Pubblicato da Paola De Micheli su Lunedì 14 marzo 2016

Nel Pd il dibattito si è avvitato, Paola De Micheli. Come se ne esce?

«Smettendola con questi toni. Noi governiamo l’Italia, sulle nostre spalle c’è un peso enorme: ne usciamo solo se i risultati saranno all’altezza dei nostri valori».

 

Cosa intende?

«Le unioni civili, l’aver creato posti di lavoro: ecco risposte all’altezza. E di sinistra. Questa è la strada».

Intanto si avvicinano le Comunali. La minoranza bersaniana e dalemiana alza il tiro contro Renzi. Sbaglia?

«Queste discussioni interne non hanno alcun appeal. Se l’obiettivo è far perdere Renzi, sbagliano. Più necessario il dibattito su proposte moderne, anche in vista del congresso».

Il Pd di Renzi ha un problema d’identità?

«Renzi non è la causa di un cambiamento d’identità, al massimo l’effetto di un’esigenza di cambiamento della sinistra italiana. Diciamo la verità: alcune questioni di fondo sono irrisolte fin dalla nascita del Pd».

A cosa pensa?

«Il tema della leadership, ad esempio: divisi tra chi vuole un leader carismatico e chi reclama una squadra forte. E poi alcuni nodi di politica economica non chiariti: il seme liberale inaugurato dalle scelte di Bersani lo facciamo crescere? Infine le primarie: serve un albo degli elettori, altrimenti continuiamo a delegittimarci».

Nel Pd del futuro ci sarà Verdini?

«Dibattito inutile. I loro voti a volte sono utili ad approvare le nostre leggi. Si negozia, pragmaticamente, ed è giusto. Ma Verdini non diventerà mio compagno nel Pd».

Tags: Pd,, Renzi,, Sinistra è cambiamento,, Italia,, Politica,, Partiti,, Minoranza pd,, Paola De Micheli,, Bersani,, Speranza,