Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

scritta solo lunga
facebook twitter youtube google plus

scritta solo

facebook twitter youtube google plus

#Unionicivili Micaela Campana intervista su L'Unità "Basta sotterfugi o ipocrisie, il PD non rinuncia a questo risultato"

unioni civiliLa legge sulle unioni civili è “la cartina tornasole della democrazia di questo Paese: dobbiamo decidere se "dare pari dignità sociale" a tutti i nostri cittadini. Chi è contrario lo dica senza sotterfugi o ipocrisie”. Micaela Campana, responsabile diritti del Partito Democratico fa il punto sul lavoro fatto fino adesso nel partito e con le associazioni per dare diritti a chi ancora per legge è “invisibile”.

Onorevole Campana, siamo alla vigilia di un appuntamento importantissimo in aula del Senato per le unioni civili, ci sono alcune incertezze. Dal suo osservatorio di responsabile diritti, ritiene che dentro il partito democratico in queste ore si troveranno posizioni comuni?

 

"Il racconto di un partito spaccato è fuorviante. Ci sono posizioni comuni e dei distinguo su dei punti precisi della legge in discussione. Però ricordiamo che il gruppo del Senato ha votato in maniera unanime sul testo della legge. E' chiaro che fino al voto dell'aula avremo ancora degli spazi di confronto al nostro interno e con gli altri partiti che condividono l'esigenza di dare finalmente riconoscimento giuridico alle coppie omosessuali."

Da ottobre presiede la bicameralina sul ddl Cirinnà. Quale è stata in questi mesi la sua funzione e quale potrà essere nei momenti caldi?

"Insieme a dieci parlamentari del Pd abbiamo studiato il testo e avviato una riflessione che coinvolgesse le varie anime presenti all'interno del Partito. Ci siamo ascoltati cercando di capire le ragioni di ogni esperienza. Alcune di queste riflessioni sono diventate degli emendamenti che andranno al vaglio dell'aula ed è stato un lavoro puntuale volto al miglioramento del testo."

Ha aperto tavoli con le associazioni da più di un anno. Quali le difficoltà e gli esiti?

"Il tavolo nazionale delle associazioni Lgbt è nato con la considerazione che non potevamo lasciare fuori dalla discussione proprio i diretti interessati. Con loro ci siamo confrontati più volte su un testo che non rispecchia esattamente le loro aspirazioni (il matrimonio egualitario), ma che per molti sarebbe già una prima risposta dopo anni di attesa. L'Italia arriva a legiferare con un colpevole ritardo e una legge sulle unioni civili che si ispira al modello tedesco, facendo tesoro degli orientamenti giurisprudenziali delle corti internazionali, è sicuramente un risultato al quale il PD interamente non può rinunciare. Inoltre penso a quanti ragazzi e adolescenti che hanno paura di fare coming out e stanno ascoltando il dibattito di queste ore, a loro abbiamo il dovere di dire che il loro progetto di vita qualunque esso sarà costituirà un valore aggiunto per la nostra democrazia. Possiamo trasformare questa legislatura nella legislatura dei diritti per quanti fino ad oggi sono rimasti invisibili: omosessuali, ma anche ragazzi stranieri nati e cresciuti qui, che parlano i nostri dialetti, ma senza essere italiani."

Più ci avviciniamo al voto più le posizioni si radicalizzano. Sembra, in alcuni casi, che sfugga il vero obiettivo, legiferare sulle unioni civili, e prendano piede le posizioni di bandiera. E' così?

"Il rispetto per tutte le posizioni è massimo e mi pare che con la bocciatura del ritorno in commissione, l'aula del Senato abbia mostrato la consapevolezza che non c'è più tempo da perdere. Il Paese ha bisogno di questa legge e a chi con tentativi maldestri sta cercando di bloccare la discussione con ricorsi e accuse infamanti vorrei ricordare che stiamo parlando della vita delle persone e anche dei loro bambini. Questa legge è la cartina tornasole della democrazia di questo Paese: dobbiamo decidere se "dare pari dignità sociale" a tutti i nostri cittadini, come recita la Costituzione oppure no. Ma chi è contrario lo dica apertamente e senza sotterfugi o ipocrisie."

Tags: Pd,, Sinistra è cambiamento,, Italia,, Riforme,, Politica,, Governo,, Paese,, Unioni civili,, diritti civili,, Micaela Campana,