Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

scritta solo lunga
facebook twitter youtube google plus

scritta solo

facebook twitter youtube google plus

Damiano: contratti non devono essere sostituiti da salario minimo. Esodati, governo predisponga relazione tecnica

(ANSA) - ROMA, 7 OTT - "Il governo, su richiesta della Commissione lavoro della Camera, dovrebbe predisporre una relazione tecnica per la quantificazione degli effetti finanziari del nuovo testo sulla settima salvaguardia degli esodati dopo la conclusione dell'esame degli emendamenti".Lo afferma il presidente della commissione Lavoro alla Camera Cesare Damiano. "Il termine di 10 giorni indicato dalla Commissione - prosegue - considerata l'esigenza di una rapida conclusione del provvedimento, scade il 12 ottobre". "Ci auguriamo che il Governo rispetti la scadenza e che predisponga, come richiesto, una relazione tecnica che indichi gli oneri relativi ad ogni intervento di salvaguardia previsto dal provvedimento". (ANSA). IRA-COM 07-OTT-15 12:43 NNNN

(ANSA) - ROMA, 7 OTT - "Se dovessero esaurirsi i contratti di categoria e ci fosse un salario minimo legale che sostituisse il contratto stesso, e' ovvio che ci sarebbe una corsa a una remunerazione al ribasso, al minimo. Sarebbe l'anticamera del salario individuale, con tutti i danni e le fragilita' che esso comporterebbe per il lavoratore". Lo ha detto a Voci del Mattino, Radio1 Rai, Cesare Damiano, presidente della Commissione lavoro della Camera. "Il salario legale puo' essere introdotto sperimentalmente solo per i lavoratori che non hanno un contratto nazionale di riferimento, come ad esempio i lavoratori a progetto. Guai se dovesse in qualche modo sostituirsi al contratto nazionale: sarebbe un giro di boa molto pesante e mi auguro proprio che non si vada in questa direzione. Sarebbe un passo indietro grave, che rivoluzionerebbe in negativo il rapporto lavoratore-azienda e che certamente richiederebbe un passaggio parlamentare", sottolinea. "La dichiarazione del presidente di Confindustria Squinzi (che ha chiuso la porta a ulteriori trattative con i sindacati sul rinnovo dei contratti nazionali di categoria) e' indubbiamente pesante. Io penso che sia giusto perseguire sempre un accordo tra le parti sociali e il governo deve intervenire soltanto per mediare, riportandole al tavolo delle trattative. Non vedo perche' non si possano fare i contratti mentre, allo stesso tempo, si riforma il modello contrattuale". "In Italia dobbiamo puntare a ridurre il costo del lavoro, non la retribuzione dei lavoratori - ha osservato l'ex ministro - e quindi continuo a ritenere fondamentale il ruolo dei contratti nazionali, anche se, ovviamente di concerto coi sindacati e le parti datoriali, si possono pensare contratti non onnicomprensivi, piu' 'leggeri', che fissino i cosiddetti standard salariali, categoria per categoria, per impedire il dumping sociale, i contratti pirata". (ANSA). PH 07-OTT-15 11:30 NNNN

Tags: Partito democratico,, Sinistra è cambiamento,, Italia,, Riforme,, Politica,, Lavoro,, Cesare Damiano,, Esodati,