Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

scritta solo lunga
facebook twitter youtube google plus

scritta solo

facebook twitter youtube google plus

Luca Sani: agricoltura sociale, traguardo non più rinviabile

Agricolturasociale Martina

(9Colonne) Roma, 5 ago - "Un traguardo non più rinviabile". E' questo il commento del presidente della commissione Agricoltura Luca Sani al sì definitivo alla Pdl sull'Agricoltura sociale, che, dopo l'approvazione in Senato, è tornata alla Camera in commissione XII. "Si tratta - dice Sani - di un provvedimento molto atteso. Secondo uno studio condotto dall'Inea (Istituto nazionale di economia agraria), le cooperative sociali agricole nel 2009 erano 389, coinvolgevano quasi 4 mila lavoratori con un fatturato complessivo di 182 milioni di euro. In questi anni sono notevolmente aumentate. E spesso sono realtà che lavorano insieme ai Comuni, alle Asl, alle associazioni locali e ad altre imprese. In Italia sei regioni hanno già emanato leggi che regolano l'agricoltura sociale: Veneto, Liguria, Abruzzo, Calabria, Campania e Toscana. La legge quadro nazionale è uno strumento che metterà ulteriore ordine e di grande utilità per lo sviluppo delle realtà che si occupano di agricoltura sociale. Inoltre, favorisce la collaborazione tra imprese agricole e cooperative. "L'agricoltura sociale - prosegue il deputato Pd - è un fenomeno che nasce dal basso e si è esteso rapidamente, portando a modelli di lavoro nuovi. Negli ultimi anni di crisi economica, in molte regioni questo tipo di realtà è raddoppiata , il suo successo è dovuto al legame con il territorio e ai suoi prodotti di qualità. Una qualità - conclude Sani - che è anche ambientale e umana". (red) 051054 AGO 15 La legge:

Legge votata questa mattina dalla Commissione Agricoltura. I prodotti avranno un punteggio in piu' nei bandi per mense scolastiche e ospedali, imprese e cooperative (impegnate nell'inserimento di disabili o persone svantaggiate) saranno preferite anche nell'assegnazione dei terreni confiscati alla criminalita' organizzata (RED.SOC.) MILANO - Nasce il marchio "agricoltura sociale", i prodotti avranno un punteggio in piu' nei bandi per le mense scolastiche e degli ospedali, imprese e cooperative saranno preferite nell'assegnazione dei terreni confiscati alla criminalita' organizzata. Sono alcune delle novita' della nuova legge sull'agricoltura sociale, votata questa mattina dalla Commissione Agricoltura della Camera in sede deliberante. Il testo, composto da 7 articoli, era gia' stato approvato dai due rami del Parlamento ed era tornato alla Camera dopo le variazioni inserite, ai primi di luglio, dal Senato. "Finalmente si arriva cosi' ad avere una legge quadro che regoli questo settore - spiega Luca Sani (Pd), presidente della Commissione -. Si da' inoltre una definizione precisa di agricoltura sociale". Secondo l'articolo 2 "per agricoltura sociale si intendono le attivita' esercitate dagli imprenditori agricoli e dalle cooperative sociali" dirette a realizzare l'inserimento socio-lavorativo di persone disabili o svantaggiate, a fornire servizi che "affiancano e supportano le terapie mediche, psicologiche e riabilitative". Rientrano nel concetto di agricoltura sociale anche le fattorie didattiche e gli agri-asili. Le cooperative sociali, pero', dovranno avere almeno il 30% del proprio fatturato derivante dall'attivita' agricola per essere considerate del settore. Una barriera che non e' piaciuta a molte realta' del sociale che svolgono si' il lavoro nei campi ma non in maniera tale da arrivare a un terzo del fatturato. Per le aziende agricole e le cooperative sociali la legge quadro rappresenta un trampolino di lancio. Potranno infatti accedere a contributi regionali specifici, i comuni potranno prevedere misure per la valorizzazione dei prodotti provenienti da agricoltura sociale nel commercio su aree pubbliche. Inoltre nell'assegnazione di beni demaniali o di terreni confiscati, le imprese del settore potranno godere di una corsia preferenziale. Infine, presso il Ministero dell'agricoltura verra' istituito un osservatorio sull'agricoltura sociale: tra i suoi compiti, lo studio del fenomeno in Italia (di cui non si conosce con precisione la dimensione) e suggerire misure per il sostegno alle imprese e per la semplificazione delle procedure amministrative. (dp) (www.redattoresociale.it) 10:36 05-08-15 NNNN

Tags: Agricoltura,, Pd,, Partito democratico,, Renzi,, Martina,, Matteo Mauri,, Sinistra è cambiamento,, Italia,, Riforme,, Politica,, Partiti,, Governo,, Expo,, Europa,, Minoranza pd,